Memo

Enea, Italia In Classe A e Fondazione Maire: insieme ad Obiettivo 5, per raccontare “l’energia delle donne”

Raggiungere l’uguaglianza di genere e l’autodeterminazione di donne e ragazze non può prescindere dal coinvolgerle attivamente nella transizione green, e dunque dall’avvicinarle alle professioni tecnico-scientifiche che necessitano del loro prezioso potenziale.

Da questo obiettivo condiviso ha preso le mosse la partecipazione di Enea, con Italia In Classe A e la Fondazione Maire, alla nuova edizione di Obiettivo 5 ,il Campus di formazione sulla parità di genere organizzato dal Corriere della Sera e la 27esimaOra, in collaborazione con iO Donna, Sapienza Università di Roma e Le Contemporanee, nelle giornate di giovedì 7 e venerdì 8 marzo.

Enea è stato presente con uno stand dedicato all’interno dell’area Fuori Campus – T1, con nuove soluzioni di progettazione edilizia. Qui, talk, dibattiti e ospiti internazionali sono stati inoltre illuminati attraverso la luce a led, colorata ed evocativa dell’ installazione “ Verso un Lettering Civile”, scenografia ufficiale del Corriere della Sera, che ha accompagnato il pubblico attraverso quelle parole che collegano la transizione energetica all’equity gender.

Verso Un Lettering Civile è una installazione di illuminazione urbana sostenibile realizzata dai designer della startup DesignDifferente del Politecnico di Milano e Iuav Venezia, in collaborazione con il Dipartimento Unità Efficienza Energetica dell’ ENEA nell’ ambito del Programma Nazionale Italia in Classe A.

Presso il Campus, una rappresentanza delle giovani partecipanti alle trascorse edizioni di #5passidaIngegnera, progetto formativo ed informativo di Italia In Classe A, è stata accolta da Ilaria Sergi, Responsabile della Comunicazione di Genere del programma. Le ragazze hanno avuto modo di prendere parte alle live inchieste, incontrando anche Simona Ventura, protagonista del talk “Come fare tv, oltre gli stereotipi di genere e la noia”, che ha indagato con grande interesse le aspirazioni future delle studentesse, esortandole a perseguire i propri sogni con forza e con determinazione. Durante la Live inchiesta di venerdì 8 marzo, “A cosa serve l’Europa? Diritti, parità e coesione per diventare grandi insieme”, sita presso l’Aula Magna di Università Sapienza, le ragazze hanno inoltre avuto modo di incontrare anche il professor Romano Prodi.

Invitando ragazze e ragazze a recarsi alle urne durante le prossime elezioni europee, salvaguardando libertà e democrazia, il professor Prodi ha accolto le studentesse di #5passidaIngegnera quale simbolo tangibile di quella fiducia nell’avvenire e di quella speranza che soltanto i giovani potranno trasformare in realtà.

La Live Inchiesta, inoltre, si è lungamente soffermata, nella sua ultima parte, sul tematica irrinunciabile della transizione green, sulla cui imprescindibilità hanno posto l’accento sia Monica Frassoni, Presidente della European Alliance to Save Energy, che Anna-Kaisa Itkonen, Member of Cabinet of Kadri Simson e EU Commissioner for Energy.

“Un budget europeo supplementare dovrebbe poter incentivare l’accesso delle donne alle professioni tecnico-scientifiche, che abbisognano del loro fondamentale contributo ai fini di potenziare la competitività del settore”- Ha osservato infatti Itkonen. Ilaria Sergi è stata inoltre protagonista del talk ‘L’impresa è un gioco da ragazze’, per raccontare Donne In Classe A. Protagoniste sul palco anche alcune delle studentesse che hanno preso parte a #5passidaingegnera, il progetto ENEA e Fondazione Maire pensato per rispondere alle sfida della transizione energetica e alla mancanza di professionalità altamente specializzata in tali settori, soprattutto femminile, allo scopo di accompagnare il cambiamento con misure inclusive in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 (e nello specifico, con l’obiettivo 5, dedicato alla parità di genere).

“La parità di genere rappresenta un’opportunità da non perdere anche nell’ambito della transizione energetica: per questo è necessario un cambio di paradigma, in grado di avvicinare alle materie tecnico-scientifiche le giovani studentesse…- Ha ricordato Ilaria Sergi – Tra i nostri compiti, figura quello di promuovere le materie STEM per accelerare il cambiamento grazie a programmi specifici di orientamento, di cui è esempio concreto il progetto 5 passi da ingegnera.”

Ilaria Bertini, direttrice del Dipartimento Unità per l’Efficienza energetica dell’ENEA, ha figurato invece tra i protagonisti del talk “Quale lavoro e quale economia? In un futuro all’insegna dell’intelligenza artificiale e della sostenibilità c’è posto per tutt*?”, nel pomeriggio di venerdì 8 marzo.

“L’Unione Europea stima che, per intraprendere una coerente transizione energetica, sarà necessario un numero rilevante di giovani specializzati in ambiti che riguardano lo sviluppo di nuove tecnologie…- Ha affermato Ilaria Bertini – Tuttavia, attualmente, in Italia si riscontra una carenza di laureati nelle materie STEM, poco compatibile con tale obiettivo.. Grazie ai progetti avviati nell’ambito della Campagna nazionale sull’efficienza energetica, abbiamo lungamente lavorato per promuovere percorsi di orientamento formativo, in particolare rivolti alle giovani studentesse. Solo in tal modo, infatti, saremo in grado di raggiungere gli obiettivi prefissati in tema di decarbonizzazione, ma anche di uguaglianza di genere”.

Proprio lo scorso mercoledì, il Parlamento Europeo ha inoltre approvato la legge sull’intelligenza artificiale (IA), che garantisce sicurezza e promuove l’innovazione.

L’obiettivo è di proteggere i diritti fondamentali, la democrazia, lo Stato di diritto e la sostenibilità ambientale dai sistemi di IA ad alto rischio, promuovendo nel contempo l’innovazione e assicurando all’Europa un ruolo guida nel settore.

Anche  tali tematiche hanno trovato ampio spazio, all’interno del predetto panel: ENEA agenzia ha sviluppato infatti di recente strumenti basati sull’intelligenza artificiale per misurare e migliorare sicurezza ed efficienza nei luoghi di lavoro. I primi test sono stati condotti in due diversi contesti lavorativi e rientrano in un progetto internazionale al quale hanno partecipato, per l’Italia, anche Sapienza Roma ed Inail. 

Nel corso del panel dedicato, gli interlocutori, in dialogo aperto con la giornalista La7 Flavia Fratello, si sono interrogati sul rapporto tra la sostenibilità ed i mutamenti economici, tecnici e culturali che la società produce in tempi sempre maggiormente rapidi, cercando di individuare come, all’interno di un contesto europeo, progettare un futuro sostenibile, trasformando le sfide del presente in opportunità.

TAGS

CONTRIBUTOR

  • Le Contemporanee

    Le Contemporanee, il primo media civico in Italia dedicato alle donne e contro ogni discriminazione. I contributi contenuti nel media civico con autore "LeC", sono testi e contenuti a cura del nostro staff.

COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di LeContemporanee.it per rimanere sempre aggiornato sul nostro Media Civico