Memo

L’alternativa è Alice Bah Kuhnke al Pe

Martedì prossimo il Parlamento europeo sceglierà il/successorə di David Sassoli alla presidenza del PE. I giochi sembrano fatti a favore di Roberta Metsola giovane e dinamica conservatrice maltese. Ma non basta essere donna per potere aspirare a rappresentare degnamente il PE in particolare in un momento nel quale si moltiplicano gli attacchi alla democrazia e allo stato di diritto, ai diritti di tuttə e in particolare delle donne e delle minoranze.

Roberta Metsola per approccio, cultura, posizionamento politico, non garantisce nulla di tutto ciò. Ma c’è un’alternativa fantastica. Che deve essere sostenuta e che non è solo una candidatura di bandiera.
L’alternativa è Alice Bah Kuhnke: vicepresidente del gruppo verde al PE, ex giovanissima ministra della cultura e della democrazia (interessante combinazione che dice molto del suo approccio) svedese, attivista per i diritti umani prima di arrivare in politica. Europeista, cosa che dimostra l’evoluzione del suo partito da sostenitore dell’uscita della Svezia dalla Ue a parte integrante di un progetto sovranazionale e democratico.I suoi valori e azioni sono necessari oggi e il PE deve essere rappresentato da una donna si, ma libera e con gli occhi aperti sulle vere priorità clima, diritti, lottaAlle diseguaglianze. spero che i tante deputati/e ai quali manca già David Sassoli potranno ribaltare un risultato che molti considerano acquisito.

TAGS

CONTRIBUTOR

Ambientalista, femminista, esperta di energia. Laureata in scienze politiche, nel 1987 è stata eletta segretario generale della Gioventù Federalista Europea e si é trasferita a Bruxelles. Dal 2009 al 2019 è stata Co-presidente del Partito Verde Europeo. Presiede dal 2011 la European Alliance to Save energy e dal 2013 il European Centre for Electoral Support.

COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di LeContemporanee.it per rimanere sempre aggiornato sul nostro Media Civico