Screenshot 2022-10-28 at 15.04.15
scritto da
“Usciamo dal silenzio: una storia di donne”
"Usciamo dal silenzio” ripercorre la più grande mobilitazione di piazza in tema di interruzione di gravidanza e di legge 194 registrata in questo paese.
Screenshot 2022-10-28 at 15.04.15
scritto da
“Usciamo dal silenzio: una storia di donne”
"Usciamo dal silenzio” ripercorre la più grande mobilitazione di piazza in tema di interruzione di gravidanza e di legge 194 registrata in questo paese: correva l’anno 2005 quando il governo di centrodestra minacciava una revisione della legge con annessa commissione d’inchiesta, ricompariva l’ipotesi di figure di dissuasori nei consultori, le gerarchie ecclesiastiche scatenavano un’offensiva, peraltro mai finita, sul tema.
maniifestazione aborto
scritto da
Roccella, De Carlo e Meloni. L'aborto in Italia non è mai stato tanto a rischio.
Dal "femminismo antiabortista" di Eugenia Roccella all'obbligo di sepoltura del feto proposto da De Carlo. Nelle ultime settimane se ne sono sentite veramente di ogni in merito all"interruzione volontaria di gravidanza, anche e soprattutto in vista delle elezioni del 25 settembre.
WhatsApp Image 2022-06-25 at 11.30.35
scritto da
Il diritto all'aborto negli Usa e la voragine che ci riporta a 50 anni fa.
La Corte Suprema ha abolito ieri la sentenza #RoeVsWade del 1973 che legalizzava il diritto a interruzione di gravidanza. Questo significa che, in assenza di ulteriori norme e pronunciamenti, ogni stato federale statunitense agirà secondo la propria giurisdizione e il proprio orientamento in materia.
gayatri-malhotra-0XFPG5ntedo-unsplash
scritto da
United States of A-bortion rights: la politicizzazione del diritto all’aborto nel dibattito americano 
La diffusione della bozza di opinione di maggioranza firmata dal giudice conservatore Samuel Alito della Corte Suprema Americana ha avuto...
libera-di-abortire
scritto da
In Italia non siamo libere di abortire.
Parlare di “libertà” di abortire, per molti può rappresentare una mera provocazione, perché dopotutto le donne non dovrebbero essere libere...

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di LeContemporanee.it per rimanere sempre aggiornato sul nostro Media Civico