Come stiamo? Le donne, l’occupazione, il nostro futuro con Susanna Camusso

Una conversazione tra Susanna Camusso, sindacalista, responsabile delle politiche di genere della CGIL e Valeria Manieri, co founder de Le Contemporanee.

Alla domanda “Come stiamo?” Susanna Camusso risponde che l’occupazione femminile in Italia “Non va bene ed è statisticamente dimostrabile.”

Susanna Camusso racconta come le lavoratrici donne siano quelle che hanno perso un maggiore numero di posti di lavoro nella stagione piu’ buia e profonda della pandemia. E ne hanno perso di piu’ nonostante il blocco dei licenziamenti.

Una piccola ripresa esiste, ma resta ancora il nodo di una occupazione a termine e il grande abuso delle cosiddette dimissioni volontarie.

Per non parlare della maternita’, la via crucis del licenziamento, delle dimissioni, dell’abbandono del lavoro per tante donne.

Ma la domanda che in molti si fanno e’:  ci sara’ o no una crescita della occupazione femminile nel 2022?

Bastera’ il PNRR e quali spunti interessanti contiene per noi tutte?

Non vi resta che ascoltare questi minuti di conversazione con la prima donna ad aver ricoperto il ruolo di segretaria di un grande sindacato italiano, Susanna Camusso, che ha accettato di fare parte del media civico de Le Contemporanee, come membro del Comitato scientifico.

TAGS

CONTRIBUTOR

Classe 84, esperta di comunicazione e politica, Cofounder de Le Contemporanee. Lavora da anni con Radio Radicale e collabora con diverse testate, tra cui Io Donna - Corriere della Sera, Il Foglio e Milano Finanza.

COMMENTI

2 Responses

  1. Grazie per il commento. e’ sempre un piacere dialogare con Susanna Camusso in effetti. E siamo felici che abbia deciso di partecipare attivamente al progetto.

  2. Susanna Camusso e’ una donna straordinaria. Di grande coraggio. Anche se non sono sempre d’accordo con lei su alcuni temi, ha grande onesta’ intellettuale ed e’ davvero integerrima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di LeContemporanee.it per rimanere sempre aggiornato sul nostro Media Civico