Memo

Big Mama vola al Palazzo di Vetro: domani il discorso “Crescere e guardare al futuro” ad una platea di duemila giovani

La forza carismatica di Big Mama non si è accontentata di scuotere il pubblico dell’Ariston: ma approderà domani al Palazzo di Vetro, per pronunciare un discorso rivolto ad una platea di duemila giovani tra i sedici e i diciassette anni. La cantante avellinese è stata infatti scelta nell’ambito dell’iniziativa ‘Gemun talks’, dal titolo ‘Le arti per la cittadinanza globale’ (The Arts for Global Citizenship).

L’ iniziativa è organizzata da United Network, organizzazione associata al Dipartimento di Global Communications delle Nazioni Unite.

“Crescere e guardare al futuro”  sarà il titolo del discorso con il quale l’artista ventitrenne offrirà ai ragazzi un momento di riflessione, facendosi promotrice di un messaggio d’amore che contrasta bullismo e bodyshaming.

“La rabbia non ti basta, il brano che ho portato a Sanremo– Ha spiegato infatti la rapper- è una canzone di riscatto dedicata alla Marianna bambina. -“Sentivo l’esigenza di inviare un messaggio alla me del passato, che aveva bisogno di tanto amore e attenzioni».

“Una volta,credevo di meritarmi quella violenza verbale: ma poi, ho iniziato a scrivere testi, cominciando a credere moltissimo in me stessa.”

Nel 2016, all’età di 16 anni, Marianna Mammone ha infatti iniziato a pubblicare le sue prime canzoni. Nel 2022 ha esordito con il suo primo album, Next Big Thing, al quale ha fatto seguito una serie di concerti, tra cui il concerto del primo maggio a Roma.

Una storia di fiducia, di riscatto e di amore per sé stessa: governata da un’energia positiva di cui,domani, Big Mama offrirà ad altrettanti giovani una testimonianza, per spronarli alla crescita personale e alla fiducia nel futuro.

TAGS

CONTRIBUTOR

  • Le Contemporanee

    Le Contemporanee, il primo media civico in Italia dedicato alle donne e contro ogni discriminazione. I contributi contenuti nel media civico con autore "LeC", sono testi e contenuti a cura del nostro staff.

COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di LeContemporanee.it per rimanere sempre aggiornato sul nostro Media Civico