Memo

Ecco il discorso della Presidente della Repubblica immaginata

Il “Distopico” della giornalista Flavia Perina per Le Contemporanee, immagina scenari ancora inesplorati per una donna tosta Capo di Stato. Il discorso e’ immaginato per gli auguri del 2023, visto che per ora per la prossima elezione del Presidente della Repubblica non si vede l’ombra di una candidatura femminile possibile e i partiti sembrano essere impreparati a tale possibilita’. Noi siamo ovviamente stufe, ma una risata li seppellira’.

La donna Presidente della Repubblica immaginata da Flavia Perina ha poco tempo a disposizione, e’ stufa dei partiti che non sanno decidere, ma soprattutto si fa beffa degli stereotipi della comunicazione. La Presidente immaginata ha un solo vero obiettivo a Capodanno: fare gli auguri a tutte e tutti, perche’ oggi piu’ di ieri, ne abbiamo un gran bisogno.

“Buona serata alle italiane e agli italiani,

ai nonni, alle nonne, alle bambine e ai bambini, a chi è solo e a chi si prepara a un Capodanno di festa.

E’ stato un anno duro, abbiamo tutti voglia di dimenticarcelo e quindi: uscite e divertitevi, oppure state a casa davanti alla tv.

Se uscite, non dimenticatevi la mascherina. Se state a casa, non sparate col fucile dal terrazzo che ogni anno muore qualcuno.

So che c’era molta aspettativa per questo messaggio di fine anno, il primo di una Presidente donna peraltro eletta per disperazione al 237° scrutinio, e non vorrei deludervi.

Tuttavia so gia’ che alla fine si commenterà soprattutto il mio vestito, i capelli e le cose che ho messo sulla scrivania.

Ecco, è inutile che vi lambiccate, il vestito me lo ha prestato una mia amica, i capelli me li sono fatti stamattina, la foto vicino al microfono è del mio gatto, sono qui solo per fare gli auguri che ne abbiamo un gran bisogno.

Buon 2023 a tutti.”

La Presidente

TAGS

CONTRIBUTOR

Politica e giornalista italiana, ex-direttrice del Secolo d'Italia

COMMENTI

2 Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di LeContemporanee.it per rimanere sempre aggiornato sul nostro Media Civico